2019 Sh(e)dows (Porto Santo Stefano)

Ten years ago a warehouse near the harbour had been scheduled for demolition, to be replaced by apartments and shops.
But the economic downturn freezed the project, when demolitions were well underway: the roof was gone, as were all internal partitions.
It was then used as an open-air parking lot, but what was left was structurally unsound.

I teamed with a local structural engineer to solve the problem from a utilitarian point of view, but couldn’t resist to infuse an aesthetic value in the project. Needless to say it had to be at no extra cost.

I selected a lean, straightforward, repetitive pattern, that would look nice by itself, but even more so when the steel structure is struck by sun rays, generating a dense mesh of graphic shadows, on the walls and on the ground.

 

2019 Le ombre (Porto Santo Stefano)

Dieci anni fa un magazzino vicino al porto era stato pianificato per la demolizione, per essere sostituito da appartamenti e negozi.
Ma la recessione economica ha congelato il progetto, quando le demolizioni erano ben avviate: il tetto era sparito, così come tutte le partizioni interne.
Venne quindi utilizzato come parcheggio all’aperto, ma ciò che restava era strutturalmente insicuro.

Ho collaborato con un ingegnere strutturale locale per risolvere il problema da un punto di vista utilitaristico, ma non ho potuto resistere per infondere un valore estetico nel progetto. Inutile dire che doveva essere senza costi aggiuntivi.

Ho selezionato un modello snello, semplice e ripetitivo, che sarebbe bello da solo, ma ancora di più quando la struttura in acciaio è colpita dai raggi del sole, generando una fitta trama di ombre grafiche, sui muri e sul terreno.

Leave a Reply

Your email address will not be published.